.
Annunci online

Laurentius
Il blog di Lorenzo Mercurio


Diario


23 agosto 2012

Sito archeologico di Segesta (TP): spazzatura, incuria e vergognosa gestione

Avete mai visitato l'area archeologica di Segesta? No? Peccato, perché vale la pena andare a vederla. Si tratta di qualcosa di eccezionale, la cui visita si incentra su un tempio dalle caratteristiche attiche del V secolo a.C. e su un teatro, anch'esso dalle infulenze greche, del IV secolo a.C. Segesta fu una delle più importanti e occidentali città ellenizzate della Sicilia, di praticamente certa origine elima, in storico contrasto con un'altra importantissima colonia come Selinunte. Inoltre, e non è secondario, il sito comprende anche l'agorà della città, adoperata anche in periodo romano, e ritrovamenti che risalgono ai periodi arabo, normanno e svevo, strutture, queste ultime, successivamente abbandonate.
Ma non è di storia che si intende parlare in questa sede, perché oltre alla straordinarietà del sito, alla sua storia e ai suoi reperti, qualcos'altro attrae l'attenzione del visitatore. Quasi in maniera incredula e con un profondo senso di vergogna (questo, almeno, è stato provato da chi scrive), ci si accorge immediatamente delle modalità di mantenimento e gestione di un sito tanto importante, che non raggiungono nemmeno lontanamente la sufficienza. Anzi! Un'area ristoro immersa in rifiuti di ogni tipo, invasa da api che si avventano sulle bevande zuccherate dei turisti; cestini per la spazzatura ricolmi e traboccanti; totale assenza di accessibilità per diversamente abili, e quindi assoluta estraneità ai moderni macchinari che permetterebbero anche ad ospiti con problemi di deambulazione di godere delle meraviglie del luogo; personale maleducato, scontroso, per nulla disponibile. Tutto ciò contribuisce ineluttabilmente a creare un processo di marginalizzazione del sito e con esso delle aree abitate circostanti, su cui la fruizione turistica di luoghi come Segesta si poggia in maniera vitale. Com'è dunque possibile accettare che il settore turistico siciliano abbia ancora a che fare con simili nette contraddizioni tra una bellezza mozzafiato e un'incuria menefreghista di questo tipo, ancor oggi, in un ormai XXI secolo inoltrato? Nonostante l'evidenza del contrasto bellezza-degrado, per la verità riscontrabile in numerosissimi altri àmbiti siciliani, ben pochi o addirittura nessun provvedimento viene preso, da parte delle autorità competenti, al fine di investire su una efficace fruibilità che porterebbe inevitabilmente ad un ritorno economico e di immagine per nulla indifferente. Pare invece si stia facendo di tutto per far fuggire quei pochi turisti rimasti, il cui flusso è già indebolito dalla fin troppo nota e critica situazione economica. Consapevoli che anche degli investimenti pubblici nei confronti di simili luoghi debbano necessariamente fare i conti con la crisi contemporanea, ci si domanda se sia indispensabile aggiungere anche la maleducazione e l'indisponenza del personale per completare il quadro del degrado di stupefacenti luoghi come Segesta e come, purtroppo, molti altri.

BIBLIOGRAFIA

Tusa S., Mammina G., Segesta, pieghevole informativo a cura dell'Assessorato Regionale ai BB.CC.AA., Palermo, 2002

sfoglia     luglio        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Storia
Letteratura
Musica
Ricerca e studi
Pillole
Politica
Babbìo...
Lavoro
Fotografia

VAI A VEDERE

MySpace MUSICA di Lorenzo Mercurio
Canale YouTube di Lorenzo Mercurio
Book foto-grafico di Lorenzo Mercurio
Fondazione Ignazio Buttitta
Lettere e Filosofia, Palermo
Villa del Casale di Piazza Armerina
Sito ufficiale della Santa Sede



 



gestione della conoscenza
geo

 


Licenza Creative Commons
Logo Laurentius - Lorenzo Mercurio by Lorenzo Mercurio - Laurentius is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at a1.l3-images.myspacecdn.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://laurentius.ilcannocchiale.it.

Licenza Creative Commons
BLOG - http://laurentius.ilcannocchiale.it by Lorenzo Mercurio is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at laurentius.ilcannocchiale.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://laurentius.ilcannocchiale.it
TUTTE LE OPERE SCRITTE DI QUESTO BLOG SONO SOTTO LICENZA CREATIVE COMMONS; GLI ARTICOLI QUI PRESENTI COPIATI IN ALTRI LUOGHI DEVONO RIPORTARE LA FONTE ED E' VIETATA LA LORO REVISIONE, MANOMISSIONE O UTILIZZO A SCOPO DI LUCRO

 

Biografia

Laureato in Antropologia Culturale ed Etnologia specialistica, ha collaborato con diverse associazioni nei campi del turismo (e in particolar modo del turismo accessibile), delle attività sociali legate all’insegnamento (all’interno di un progetto comunale relativo alla legge 285/97) e della programmazione e organizzazione di attività culturali.

Ha aderito al programma di incontri organizzato dalla Fondazione Ignazio Buttitta e dall’Officina di Studi Medievali di Palermo sull’argomento Santi, santuari e pellegrinaggi, partecipando anche ai tre giorni di seminari programmati tra l’agosto e il settembre 2011 preso San Giuseppe Jato e San Cipirello.

Si interessa allo studio di simboli legati all’identità siciliana (quali il triskelés, i vessilli o le bandiere storiche) ma anche ai processi culturali e comunicativi che si sviluppano all’interno della società contemporanea.

Ha partecipato, con l'associazione ItiMed, alla raccolta di documentazioni e informazioni tramite sopralluoghi circa il censimento di alcuni dei santuari cristiani presenti sul territorio siciliano.

Autore di libri e racconti di narrativa. Ha partecipato all'edizione 2015 del Premio Letterario La Giara indetto dalla Rai.

Autore di presentazioni di testi di narrativa per la casa editrice Momenti.

Ha svolto mansioni di grafico pubblicitario presso la ditta Lo Bono Pubblicità & Comuncazione di Termini Imerese e presso la Tipografia dell'Università di Palermo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CERCA