.
Annunci online

Laurentius
Il blog di Lorenzo Mercurio


Diario


20 luglio 2011

L'orientamento smarrito

Ogni qualvolta l'uomo rimane incerto sul raggiungimento di un obiettivo, egli si perde nello sconfinato mare dell'esistere. Naufraga, è alla deriva. La vita, dopotutto, è necessariamente costituita da obiettivi che ne scandiscano l'andamento, seppur in gran parte in maniera irregolare. Essi, dalla più o meno breve o lunga scadenza, rendono di continuo l'uomo capace di un travaglio e di una rinascita, insieme individuale e sociale, o forse individuale proprio in quanto sociale: un travaglio dovuto per raggiungere una gioia. Non è solo la mera condizione dell'uomo: è il suo stesso vivere. Penare per il raggiungimento di un obiettivo e, raggiunto, tornare a vivere. E in ciò vi si potrebbe trovare una spiegazione antropologica o perfino teologica o storico-religiosa: basti pensare a quanto l'uomo abbia basato le sue culture sulla ciclicità temporale, materializzandola in segni e simboli che hanno pervaso e pervadono tuttora la sua quotidianità. Lo stesso Cristo è colui che, disceso dal cielo, sin dal principio ha avuto l'obiettivo della sua sofferenza e morte, raggiunte le quali avrebbe goduto della gioia senza fine della resurrezione. Il mito di Demetra e Kòre non è che quello più vicino a noi siciliani, in cui le messi tornano a germogliare dopo un periodo oscuro di silenzio, di freddo, di morte.
Quando, dunque, nella percezione umana dello scorrere vitale s'interrompe tale irregolare sequenza metrica, o quando essa presenta degli intervalli talmente lunghi e indefinibili da non poter essere previsti, l'uomo entra in una sorta di stallo: è bloccato, diventa per lui impossibile orientarsi nel fluire continuo delle acque della sua vita. E rimane fermo, immobile, in balìa di intemperie il cui vento soffia in tutte le direzioni, così che diventi impossibile assecondarlo.

«Ego si era svegliato con una indefinita sensazione di disagio che pervadeva estesa il torpore inquieto dei suoi pensieri. Percepiva sognati pezzi di un puzzle confuso di cui gli sfuggiva il senso. Era come se dovesse partire per un lungo viaggio ma, nel non sapere per dove e per quando, navigava disancorato e senza bussola. Sentiva il suo io disperso, staccato da sé, volitare passim, come una mariposa». A. Buttitta, in Antropologia dell'Occidente, Meltemi, Roma, 2003, p. 41.





permalink | inviato da Laurentius il 20/7/2011 alle 18:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     giugno        agosto
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Storia
Letteratura
Musica
Ricerca e studi
Pillole
Politica
Babbìo...
Lavoro
Fotografia

VAI A VEDERE

MySpace MUSICA di Lorenzo Mercurio
Canale YouTube di Lorenzo Mercurio
Book foto-grafico di Lorenzo Mercurio
Fondazione Ignazio Buttitta
Lettere e Filosofia, Palermo
Villa del Casale di Piazza Armerina
Sito ufficiale della Santa Sede



 



gestione della conoscenza
geo

 


Licenza Creative Commons
Logo Laurentius - Lorenzo Mercurio by Lorenzo Mercurio - Laurentius is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at a1.l3-images.myspacecdn.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://laurentius.ilcannocchiale.it.

Licenza Creative Commons
BLOG - http://laurentius.ilcannocchiale.it by Lorenzo Mercurio is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at laurentius.ilcannocchiale.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://laurentius.ilcannocchiale.it
TUTTE LE OPERE SCRITTE DI QUESTO BLOG SONO SOTTO LICENZA CREATIVE COMMONS; GLI ARTICOLI QUI PRESENTI COPIATI IN ALTRI LUOGHI DEVONO RIPORTARE LA FONTE ED E' VIETATA LA LORO REVISIONE, MANOMISSIONE O UTILIZZO A SCOPO DI LUCRO

 

Biografia

Laureato in Antropologia Culturale ed Etnologia specialistica, ha collaborato con diverse associazioni nei campi del turismo (e in particolar modo del turismo accessibile), delle attività sociali legate all’insegnamento (all’interno di un progetto comunale relativo alla legge 285/97) e della programmazione e organizzazione di attività culturali.

Ha aderito al programma di incontri organizzato dalla Fondazione Ignazio Buttitta e dall’Officina di Studi Medievali di Palermo sull’argomento Santi, santuari e pellegrinaggi, partecipando anche ai tre giorni di seminari programmati tra l’agosto e il settembre 2011 preso San Giuseppe Jato e San Cipirello.

Si interessa allo studio di simboli legati all’identità siciliana (quali il triskelés, i vessilli o le bandiere storiche) ma anche ai processi culturali e comunicativi che si sviluppano all’interno della società contemporanea.

Ha partecipato, con l'associazione ItiMed, alla raccolta di documentazioni e informazioni tramite sopralluoghi circa il censimento di alcuni dei santuari cristiani presenti sul territorio siciliano.

Autore di libri e racconti di narrativa. Ha partecipato all'edizione 2015 del Premio Letterario La Giara indetto dalla Rai.

Autore di presentazioni di testi di narrativa per la casa editrice Momenti.

Ha svolto mansioni di grafico pubblicitario presso la ditta Lo Bono Pubblicità & Comuncazione di Termini Imerese e presso la Tipografia dell'Università di Palermo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CERCA