.
Annunci online

Laurentius
Il blog di Lorenzo Mercurio


Diario


27 novembre 2006

Il Concilio Ecumenico di Nicea

Mai sentito parlare dei Concilii Ecumenici? Cosa furono? A cosa servirono?

I Concilii Ecumenici sono quei convegni che riunirono in sé esponenti più importanti delle Chiese d'Occidente e d'Oriente al fine di far luce comunitariamente sulle problematiche inerenti alla propria dottrina religiosa: il Cristianesimo. Qui accenneremo solo al primo, quello di Nicea, dei Concilii della Chiesa (sono in tutto otto quelli riconosciuti dalla Chiesa Romana e sette quelli riconosciuti dalla Chiesa d'Oriente).

L'Imperatore Costantino, dopo l'editto di Milano firmato da lui e dall'Imperatore orientale Licinio (o Liciniano) nel 313, rese il Cristianesimo religio licita, ovvero una religione non più fuori legge ma tollerata. Ciò non implica (almeno, non ancora) che Costantino o Licinio fossero cristiani (nonostante delle leggende parlino di un sogno di Costantino che raffigurava la Santa Croce, prima della sanguinosissima battaglia di Ponte Milvio contro Massenzio e nonostante Eusebio di Cesarea parli di Costantino come un esempio lampante di cristianità), anzi, Costantino sembrava essere molto devoto al culto del Sole ed alla religione di stampo orientale di Mithra; solo in un secondo tempo delle fonti parlano di una conversione sincretica dell'Imperatore Costantino, fino al suo battesimo (sul letto di morte) del 337 da parte del Patriarca ariano di Costantinopoli Eusebio di Nicomedia. Costantino, dunque, non sarebbe stato battezzato con un rito ortodosso, ma ariano. Che vuol dire 'ariano'?
L'Arianesimo fu un movimento religioso promulgato dal presbitero alessandrino Ario, su idee trasmessegli da Paolo di Samosata ed altri teologi egiziani del III e IV secolo. Ario, intriso anche di idee neoplatoniche e medio-platoniche, asseriva che tra Padre, Figlio e Spirito Santo esistesse una gerarchia e che non avessero, quindi, tutti la stessa natura divina; il Figlio (ovvero il Logos di Dio) non sarebbe esistito ab aeterno come le Scritture ci comunicano, ma sarebbe stato creato solo in un tempo; l'incarnazione di Crsto, infine, non sarebbe che un 'riempimento' di un corpo senz'anima da parte del Logos.
Ario fu dapprima condannato come 'eretico' (da eiresis, scelta) da un sinodo tenutosi ad Alessandria e capeggiato dal Patriarca di Alessandria Alessandro. Ma per risolvere definitivamente la controversia (dato che non pochi seguaci stava portandosi dietro l'idea di Ario), l'Imperatore Costantino decretò l'apertura di un Concilio Ecumenico, nel 325, per risolvere la questione. Il Concilio si sarebbe tenuto a Nicea, nei pressi dei cantieri della neo-Bisanzio (dopo, Costantinopoli). Il fatto che il Concilio fosse stato convocato dall'Imperatore, testimonia quanto il potere centrale tenesse all'ordine pubblico che, evidentemente, doveva essere turbato da tali controversie. Ario, innanzi a 318 vescovi, fu ufficialmente dichiarato 'eretico', scomunicato ed esiliato. Costantino, forse sottovalutando il fenomeno dell'arianesimo, spinse molto dal canto suo per la condanna della dottrina ariana. Così, si gettarono le basi del Credo Cristiano (confermato ed ampliato successivamente nel Concilio di Costantinopoli del 381, sotto l'Imperatore Teodosio), che ancora oggi viene recitato durante la Celebrazione Eucaristica cattolica. Viene sancita la 'consustanzialità' tra Padre e Figlio (omousia).

Costantino, però, non aveva ben calcolato le dimensioni del fenomeno ariano che, soprattutto in Oriente, aveva preso un vasto numero di consensi. Ario, così, fu richiamato dall'esilio (anche sotto le pressioni di Eusebio di Nicomedia e con grandi proteste del Patriarca di Alessandria Atanasio) e fu riammesso nella comunità. Come accennato, Costantino stesso fu battezzato (secondo alcune fonti) da Eusebio di Nicomedia (nel frattempo fatto Patriarca di Costantinopoli dallo stesso Costantino) con il rito ariano, nel 338, sul suo letto di morte. L'Imperatore morirà nel 340, lasciando l'Impero nelle mani dei figli Costante (in Occidente, di religione ortodossa, ovvero seguace della dottrina di Nicea) e Costanzo II (in Oriente, ariano). L'Arianesimo, dunque, non si estinse con il Concilio niceno, ma, anzi, fu dichiarato religione di Stato nella Pars Orientis fino al regno dell'Imperatore Gioviano (363-378). L'Ortodossia tornerà prepotentemente ad essere l'unica religione di Stato permessa per via di legge con l'Imperatore Teodosio, salito al trono imperiale nel 379, con il quale, dopo la morte di Graziano (Imperatore d'Occidente, figlio di Valentiniano I) si tornerà ad un'unificazione dell'Impero Romano dal punto di vista politico e religioso, non senza traumi e disapprovazioni.




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 11:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia            dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Storia
Letteratura
Musica
Ricerca e studi
Pillole
Politica
Babbìo...
Lavoro
Fotografia

VAI A VEDERE

MySpace MUSICA di Lorenzo Mercurio
Canale YouTube di Lorenzo Mercurio
Book foto-grafico di Lorenzo Mercurio
Fondazione Ignazio Buttitta
Lettere e Filosofia, Palermo
Villa del Casale di Piazza Armerina
Sito ufficiale della Santa Sede



 



gestione della conoscenza
geo

 


Licenza Creative Commons
Logo Laurentius - Lorenzo Mercurio by Lorenzo Mercurio - Laurentius is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at a1.l3-images.myspacecdn.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://laurentius.ilcannocchiale.it.

Licenza Creative Commons
BLOG - http://laurentius.ilcannocchiale.it by Lorenzo Mercurio is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at laurentius.ilcannocchiale.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://laurentius.ilcannocchiale.it
TUTTE LE OPERE SCRITTE DI QUESTO BLOG SONO SOTTO LICENZA CREATIVE COMMONS; GLI ARTICOLI QUI PRESENTI COPIATI IN ALTRI LUOGHI DEVONO RIPORTARE LA FONTE ED E' VIETATA LA LORO REVISIONE, MANOMISSIONE O UTILIZZO A SCOPO DI LUCRO

 

Biografia

Laureato in Antropologia Culturale ed Etnologia specialistica, ha collaborato con diverse associazioni nei campi del turismo (e in particolar modo del turismo accessibile), delle attività sociali legate all’insegnamento (all’interno di un progetto comunale relativo alla legge 285/97) e della programmazione e organizzazione di attività culturali.

Ha aderito al programma di incontri organizzato dalla Fondazione Ignazio Buttitta e dall’Officina di Studi Medievali di Palermo sull’argomento Santi, santuari e pellegrinaggi, partecipando anche ai tre giorni di seminari programmati tra l’agosto e il settembre 2011 preso San Giuseppe Jato e San Cipirello.

Si interessa allo studio di simboli legati all’identità siciliana (quali il triskelés, i vessilli o le bandiere storiche) ma anche ai processi culturali e comunicativi che si sviluppano all’interno della società contemporanea.

Ha partecipato, con l'associazione ItiMed, alla raccolta di documentazioni e informazioni tramite sopralluoghi circa il censimento di alcuni dei santuari cristiani presenti sul territorio siciliano.

Autore di libri e racconti di narrativa. Ha partecipato all'edizione 2015 del Premio Letterario La Giara indetto dalla Rai.

Autore di presentazioni di testi di narrativa per la casa editrice Momenti.

Ha svolto mansioni di grafico pubblicitario presso la ditta Lo Bono Pubblicità & Comuncazione di Termini Imerese e presso la Tipografia dell'Università di Palermo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CERCA